Lettera del parroco

Pubblicato giorno 19 aprile 2020 - scuola

Lettera Pasquale

del parroco don Luigi Savoldelli

Carissimi genitori, coi vostri bimbi, care insegnanti e personale della Scuola dell’Infanzia di Via Balbiani, cari Soci della Cooperativa Sant’Antonino ONLUS e membri del CDA, a tutti giunga il mio augurio pasquale e un abbraccio caloroso, almeno virtuale!

Vorrei semplicemente condividere con voi un pensiero di speranza, in questo tempo così difficile e pieno di ansie per tutti. In questi giorni il CDA, che gestisce la Scuola, ha inviato a tutte le famiglie una lettera con le decisioni inerenti alla parte economica-amministrativa, mentre so che le insegnanti cercano di tenere i contatti con i bambini, pur nella distanza fisica imposta dalle restrizioni del Covid19.

Non entro in merito a quanto fatto e alle difficili scelte del momento. Approfitto per ringraziare di cuore chi si sta impegnando per non fare “andare a fondo” la barca su cui tutti ci troviamo.

Voglio solo dirvi: contate sulla presenza della Parrocchia!

Anche se, formalmente, la Scuola non è amministrata dalla Parrocchia di Albate e il CDA, con la sua presidente, ha completa autonomia gestionale, la realtà della nostra Scuola è nata 120 anni fa proprio dalla volontà della comunità parrocchiale di accompagnare le famiglie nel compito difficile – e bellissimo! – di educare i bambini e di sostenerli nella loro crescita umana e cristiana. Quando le Suore Adoratrici di Rivolta d’Adda non hanno più potuto continuare questo servizio, nel 1999 è nata questa Cooperativa per opera di don Antonio e di altri volonterosi parrocchiani, preoccupati di non perdere il patrimonio di esperienza, accumulato in tanti anni, ed anche le strutture di Via Balbiani.

Ora siamo a un bivio. Ci rendiamo conto che la crisi conseguente alla pandemia in corso avrà forti ripercussioni sulle nostre famiglie e su tutta l’economia del Paese. Non sta a me – non è il mio mestiere! – fare previsioni, o dare prospettive.

Dico solo, come parroco di Albate e di Muggiò, che faremo il possibile per sostenere con tutte le forze – non solo morali, si intende – il cammino futuro della Scuola. Rinunciando ad altri interventi programmati. Trovando risorse economiche nuove. Chiedendo ai nostri parrocchiani di non lasciarci soli.

A voi genitori dico: continuate a dare fiducia alla Scuola! Non abbiate timore di fare presenti le eventuali difficoltà nell’onorare gli impegni economici già presi per quest’anno scolastico o per iscrivere ancora i vostri bambini i prossimi anni. Nessuno si deve vergognare, tutti dobbiamo darci una mano con verità e coscienza.

A voi insegnanti ripeto: coraggio, il vostro servizio è prezioso, trovate forme nuove per stare vicine alle famiglie e ai vostri bambini, ce la faremo insieme.

Ai soci e al CDA della Sant’Antonino ONLUS un invito: inventiamo forme nuove per finanziare le attività legate non solo alla Scuola, ma anche ai diversi ambiti di impegno nei quali mettersi al servizio di tutti, giovani, adulti e anziani, giacché chi ha voluto questa Cooperativa ha, con molta lungimiranza, lasciato aperte tutte le strade.

A chi di voi è anche membro delle nostre comunità parrocchiali un impegno in più, per dare un segno chiaro della presenza della Chiesa dentro la storia, tanto travagliata, di questo tempo.

Non voglio fare la predica a nessuno, scusate! Avrò modo di recuperare quando ritornerete nelle nostre chiese per le celebrazioni liturgiche e per i vari incontri (ma non spaventatevi: cercherò di non essere troppo lungo o noioso!).

Cari genitori, posso chiedervi un favore? Quando incontro i vostri bambini nei momenti (bellissimi!) programmati durante la scuola, li saluto sempre dicendo “dammi il cinque!” e battendo la mia mano contro la loro. Non so quando potrò farlo ancora, le limitazioni attuali non ce lo consentono. Potete farlo voi? Dite ai vostri bambini: questo te lo manda don Luigi, coraggio, “tutto andrà bene”!

Vorrei farlo anche con voi, i grandi, ma forse direste che sono un po’ matto. Pazienza, ricordate comunque che ogni giorno prego per tutti, davanti al Signore, nella nostra chiesa vuota di persone, ma piena della presenza del Signore risorto, che ha promesso: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt 28,20).

Buona Pasqua, vi aspetto appena possibile, il mio augurio giunga anche a tutti i vostri cari, specialmente se anziani o malati.

Un abbraccio nel Signore: don Luigi, vostro parroco.

 

 

Albate, Domenica delle Palme, 5 aprile 2020

Lascia un commento

  • (will not be published)