A proposito dell’enciclica di Papa Francesco “Fratelli tutti “…

Pubblicato giorno 12 ottobre 2020 - c'è posta

 

Durante la solita distribuzione di pacchi viveri, un giovane uomo di fede musulmana, che ha da poco conosciuto la nostra attività, ci ha donato un quadretto raffigurante Maria in preghiera. Ci ha ricordato che nel Corano il nome di Gesù viene citato più volte e degna di lode e prestigio è la figura di Maria, chiamata “Maryam”; in arabo. (Nessun’altra donna è nominata col proprio nome nell’intero testo. Lei è la grande via del dialogo, dell’incontro e della fratellanza spirituale tra cristiani e musulmani). Leggiamo in questo suo semplice gesto il desiderio di voler avvicinare le nostre diverse realtà, evidenziando così ciò che ci unisce, non ciò che ci divide. Del resto ce l’ha mostrato lo stesso Don Roberto Malgesini, offrendo tempo, energie, attenzioni e premure a chiunque ne avesse bisogno: il mondo è un luogo in cui tutti possono riconoscersi come fratelli.

Fratelli tutti? Si può quindi, anzi si deve. Se sogniamo una società inclusiva, che accoglie e che sa aprirsi all’altro, senza rinunciare a se stessa, ma offrendo qualcosa di autentico.

C.B.

Fai click per vedere il quadretto

 

Lascia un commento

  • (will not be published)